03/01/2019   9:54 1036

Immigrazione. Comuni contro il Decreto Sicurezza, il PD di Airola avanza una proposta


Nelle ultime settimane tanti sindaci in Italia, da nord a Sud, (Milano, Bologna, Firenze, Napoli) si stanno schierando contro il decreto sicurezza e immigrazione. Il PD di Airola avanza una proposta in materia di Immigrazione.

Con la sua contrarietà messa nero su bianco con un atto ufficiale da parte del sindaco di Palermo, Leuluca Orlando, dando disposizione all’ufficio anagrafe di non applicare la norma che impedisce di concedere la residenza ai richiedenti asilo, è stata data la stura all'ampia sacca di enti contrari la decreto. Una norma che, di fatto, esclude i migranti da una serie di prestazioni sociali e sanitarie.

Sul punto intervengono Diego Ruggiero ed Immafederica Refuto, rispettivamente segretario e vice-segretaria del PD di Airola: "Crediamo che questo decreto sia non solo uno scempio ma un provvedimento scellerato e disumano. Come partito democratico di Airola rivendichiamo con forza quanto in questi anni fatto ad Airola in nome del diritto dell’accoglienza".

"Chiediamo allora al Sindaco ed al Consiglio Comunale - affermano i due esponenti PD - di dare un segnale forte, schierandosi dalla parte del valore dell’accoglienza e dell’umanità. Al sindaco chiediamo di dare la stessa coraggiosa e giusta disposizione del sindaco Orlando a Palermo. Altro gesto simbolico ma significativo lo chiediamo al Consiglio Comunale di Airola: concedere la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano, sindaco di Riace, come tanti consigli comunali stanno facendo aderendo alla campagna di sensibilizzazione 'Riace Patrimonio dell'Umanità'. Sarebbe un gesto di umanità contro le derive securitarie della peggior destra che l’Italia abbia mai avuto dal 1922. Lo facciamo perchè crediamo che, in questo esagerato clima di individualismo para- razzista che il governo Salvini propaganda, professare la felicità della pacifica convivenza e accoglienza siano grandi gesti rivoluzionari".

Notizie correlate

#Decreto-Sicurezza

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di > Partiti e associazioni