Unione Europea 02/05/2024   10:44 2972

20 anni dall'allargamento dell'Unione Europea: un traguardo storico


2004: dieci nuovi membri per un'Europa più grande.

L'allargamento dell'Unione Europea del 2004 e del 2014 rappresenta due tappe significative nella storia dell'integrazione europea. Nel corso di questi anni, l'UE ha accolto nuovi membri, aumentando sia il numero degli Stati membri che la diversità culturale e geografica all'interno dell'Unione. 

Il 1° maggio 2004 è un giorno storico per l'Unione Europea: dieci nuovi Stati membri entrano a far parte della famiglia europea. Si tratta di Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Un evento epocale che segna l'allargamento più grande nella storia dell'UE, portando il numero degli Stati membri da 15 a 25.

L'ingresso di questi dieci paesi rappresenta un passo fondamentale nel processo di integrazione europea, iniziato con la firma del Trattato di Roma nel 1957. Con questo allargamento, l'UE ha accolto oltre 75 milioni di nuovi cittadini, per un totale di circa 450 milioni di abitanti.

2014: Croazia, il 28esimo membro dell'UE

Dieci anni dopo, il 1° luglio 2014, un altro storico traguardo viene raggiunto con l'adesione della Croazia. L'ingresso di questo Paese porta a 28 il numero degli Stati membri dell'UE, per un'area totale di oltre 4 milioni di chilometri quadrati e una popolazione di circa 500 milioni di abitanti.

L'allargamento del 2014 ha consolidato il ruolo dell'UE come attore globale, promuovendo la pace, la democrazia e la prosperità in Europa. Ha inoltre contribuito a creare un mercato unico più ampio e dinamico, offrendo nuove opportunità di crescita e sviluppo per tutti gli Stati membri.

Un'Unione Europea più forte e unita

Gli allargamenti del 2004 e del 2014 hanno rappresentato un momento di svolta per l'Unione Europea. Hanno contribuito a rendere l'UE più forte, più unita e più rappresentativa della diversità del continente europeo.

Guardando al futuro, l'UE si impegna a continuare il processo di allargamento, accogliendo nuovi Stati membri che condividano i suoi valori e principi fondanti. L'obiettivo è quello di creare un'Europa unita e prospera, in grado di affrontare le sfide globali del XXI secolo.

Oltre ai dati numerici, è importante sottolineare l'impatto umano di questi allargamenti. Per milioni di cittadini europei, l'ingresso nell'UE ha significato la possibilità di vivere in un Paese libero, democratico e prospero. Ha significato avere accesso a nuove opportunità di lavoro, istruzione e cultura. Ha significato potersi muovere liberamente all'interno dell'Unione Europea e sentirsi parte di una comunità più ampia.

La Brexit

La storia dell'Unione Europea, però, non ha segnato solo progressi, ma anche regressi. La Brexit ha avuto un impatto significativo sull'Unione Europea, perdendo uno dei paesi fondatori, il Regno Unito. 

Referendum nel Regno Unito. Il 23 giugno 2016 i cittadini del Regno Unito votano a favore dell'uscita dall'UE. Il voto si tiene in seguito a intensi negoziati su un'intesa che rafforzerebbe lo status speciale del Regno Unito nell'UE. 

Il 31 gennaio 2020, il Regno Unito ha formalmente lasciato l'Unione Europea, ma è rimasto nel mercato unico e nell'unione doganale durante il periodo di transizione. Tuttavia, il 31 dicembre 2020 ha segnato la fine di questo periodo, portando a significativi cambiamenti nelle relazioni commerciali, nei flussi migratori e in altri ambiti tra il Regno Unito e i paesi membri dell'UE.

Link di approfondimento Cronistoria - L'accordo di recesso UE-Regno Unito

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di > Europa