13/04/2018   11:10 1407

A Cerreto Sannita una mostra dedicata a Don Tonino Bello


Casa per la Pace “Don Tonino Bello”, sarà aperta oggi 13 aprile e inaugurata lunedì 16 aprile la mostra d’arte visiva “Spezzare la schiavitù per liberare i sogni”, dedicata alla memoria di don Tonino Bello, a 25 anni dalla morte.

La mostra d’arte visiva sul tema della violenza, dell’amore/non amore, sulla figura di don Tonino Bello e sul dono della pace (sempre al centro del suo ministero) “Spezzare la schiavitù per liberare i sogni – La violenza tra i giovani e sui giovani”, verrà presentata oggi venerdì 13 aprile a Cerreto Sannita, in occasione della visita nella nostra Diocesi del fondatore di Libera don Luigi Ciotti. 

L'iniziativa curata dalla Casa per la Pace “Don Tonino Bello” e promossa dalla Caritas, dalla cooperativa sociale di comunità “iCare” e dall’Azione Cattolica diocesana, sarà inaugurata lunedì 16 aprile alle ore 11 presso il Palazzo del Genio di Cerreto Sannita.

Interverranno, oltre al coordinatore della Casa per la Pace don Donatello Camilli, il conservatore del Museo delle Ceramiche di Cerreto Giuseppe Zosch, il docente di discipline pittoriche e presidente dell’Associazione culturale “Lartecontinua” di Marigliano Francesco Giraldi, l’avvocato e componente della Casa per la Pace Nunzia Meccariello, il dirigente scolastico dell’Istituto “Carafa-Giustiniani” Giovanna Caraccio e il vicario generale mons. Antonio Di Meo. 

La mostra, un omaggio a 25 anni dalla morte di don Tonino Bello, sarà aperta e visitabile fino a sabato 19 maggio presso la chiesa parrocchiale di San Martino vescovo e presso Casa Santa Rita (sede di Caritas, iCare e Casa per la Pace “Don Tonino Bello”).

 

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Arti Figurative