caffe 20/07/2022   1:4 3836

Robusta o Arabica, cialde o capsule: guida al caffè più adatto ai vostri gusti


Da un lato c'è la Robusta, un caffè più economico, dal sapore più intenso e meno armonioso. Dall'altro lato, c'è l'Arabica, più aromatico, con un gusto più dolce e un retrogusto più persistente.

Miscele diverse producono caffè con aromi, sapori e percentuali di caffeina differenti. Per scegliere la miscela giusta per il proprio palato, è importante capire la differenza tra le due principali varietà di caffè prodotte nel mondo: Robusta e Arabica. Il caffè Robusta è più economico e ha un sapore più intenso, ma è meno armonioso. Il caffè Arabica è più aromatico, con un gusto più dolce e un retrogusto più persistente.

Caffè Robusta

Il caffè Robusta è una varietà di caffè le cui piante crescono principalmente in Brasile, nel Sud-Est asiatico e nel continente asiatico. La spiccata adattabilità delle piante ai climi più rigidi spiega le caratteristiche del caffè Robusta: un aroma intenso, con un contenuto di caffeina che può anche superare il 3%, e un sapore che richiama fortemente quello del cioccolato. Una tazza di espresso con un'alta percentuale di Robusta risulta anche cremosa e con molta schiuma.

Caffè Arabica

Scegliete il caffè Arabica se desiderate un aroma dolce e una presenza di caffeina meno potente. Le piante di caffè Arabica crescono principalmente in America centrale e meridionale, oltre che in alcune zone costiere del continente africano. Queste piante sono più delicate di quelle Robusta e preferiscono climi miti, senza troppe piogge o siccità. Di conseguenza, una tazza di caffè con una miscela prevalentemente Arabica è solitamente dolce, con un colore nocciola e un sapore più delicato. Questo tipo di caffè è meno deciso della Robusta, ed è quindi ideale per chi desidera un caffè meno potente.

Come riconoscere le miscele del caffè in capsule e cialde

Il modo più semplice per capire quale miscela di caffè è contenuta in una capsula o in una cialda è visitare il sito web dell'azienda produttrice e cercare le caratteristiche della miscela. La maggior parte delle capsule prende il nome dai colori che produce, ad esempio "nero" per una miscela Robusta o "oro" per una miscela Arabica. Queste miscele sono generalmente a basso contenuto di caffeina.

Capsule e cialde di caffè sono diverse tra loro: quale acquistare?

Le capsule di caffè sono contenitori di caffè monodose con un guscio esterno rigido, solitamente in plastica o alluminio. La polvere di caffè è contenuta all'interno della capsula. Le capsule vengono generalmente gettate nella spazzatura dopo l'uso, il che può creare problemi all'ambiente. Tuttavia, alcune persone svuotano la capsula e riciclano il caffè e l'involucro esterno.

Capsule di caffè

Il bello delle capsule di caffè è che ne esistono tanti tipi quanti sono i modelli di macchine da caffè presenti sul mercato. Ad esempio, una macchina Lavazza A Modo Mio può utilizzare solo capsule compatibili con quel sistema. Lo stesso vale per le macchine Nespresso e Nescafé Dolce Gusto. Quindi, bisogna fare attenzione al momento dell'acquisto, perché non si può usare una capsula con una compatibilità diversa sulla macchina sbagliata! Chi ama preparare il caffè sia a casa che al bar preferisce le capsule perché conservano meglio di altri metodi l'aroma e il gusto delle varie miscele di caffè. Questo argomento è ancora più valido per le capsule con guscio esterno in alluminio.

Cialde di caffè

Le cialde sono di varia grandezza, anche se in maniera predominante sul mercato sono presenti delle cialde ESE 44, vale a dire con diametro da 44 millimetri e di conseguenza compatibili con tutte le macchinette a cialde di tale misura.

Tutte le cialde per loro natura sono amiche dell’ambiente, poiché l’involucro esterno in film di carta consente di gettarle nel secchio dell’umido una volta usate. Di contro, pagano questa indubbio vantaggio con il fatto che nel medio o lungo periodo possono perdere parte dell’aroma che caratterizza le miscele di caffè che contengono.

Coloro che le preferiscono, d’altro canto, hanno dalla loro il fatto che in genere il loro costo è più basso rispetto alle capsule di uguale miscela.

Concludendo: cialde o capsule?

Il discorso meriterebbe anche altri tipi di riflessione che riguardano anche le aziende produttrici, il numero di caffè che mediamente vengono consumati in una casa e di conseguenza il costo medio mensile sostenuto sia con le capsule che con le cialde. 

Per cui, concludendo, la scelta tra cialde e capsule è condizionata dai fattori che abbiamo appena elencato nonché dal costo. E in ogni caso, qualunque sia la scelta, il mercato ormai offre una miriade di occasioni e offerte per fare sempre l’acquisto di volta in volta più conveniente.

 

 

 Leonardo Guerrini

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di > Consumatori