Palazzo del Quirinale (foto gentile concessione www.quirinale.it) 25/01/2022   18:48 3576

Quirinale. Il Diario politico della giornata: le posizioni dei partiti


Quirinale, Conte: "Draghi? Non è mio ruolo difendere i singoli, non ci sono condizioni per cambiare"

"Riguardo le proposte del centrodestra ci riserviamo di fare una valutazione ma che nessuno vanti un diritto prelazione a eleggere capo dello Stato", così Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle, commentando i tre nomi proposti dal centrodestra per la corsa al Quirinale. L'ex premier si è anche soffermato sul futuro di Draghi: "Abbiamo affidato al timoniere una nave che è ancora in difficoltà ma non ci sono le condizioni per cambiare e il timoniere non può lasciare".

Quirinale, Salvini: "Faremo nomi senza tessere di partito. Draghi? Lavora bene a Palazzo Chigi"

"Draghi è a Chigi e lavora bene a Chigi", così il leader Matteo Salvini arrivando alla Camera dei Deputati per il vertice di centrodestra. "Sono assolutamente fiducioso e soddisfatto. Sto vedendo da parte di tutti un approccio dialogante - ha aggiunto - Se arrivano una serie di no preventivi non si può andare avanti. Sto lavorando affinché arrivino i sì. Spero che la partita per il Quirinale si possa chiudere entro questa settimana. I nomi che faremo non hanno una tessera di partito in tasca". Con le mosse di Salvini torna l'incubo di molti parlamentari: le elezioni anticipate.

Quirinale, Tajani (Fi): "Casini non è nella rosa dei nomi del centrodestra"

"Ci stiamo vedendo tutti con tutti, non c'è nulla di strano in democrazia, anche io incontrerò Letta e Conte ma non c'è ancora un accordo raggiunto. Oggi annunciamo una rosa di nomi di alto profilo - afferma il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani - Sarebbe inaccettabile che vengano posti veti su nomi, solo perché appartenente all'area di centrodestra. Casini non è di centrodestra, non è nella rosa dei nomi". A chi gli chiede se il suo nome è nella rosa del centrodestra, Tajani risponde: "Io sto qua".

Servizio di Camilla Romana Bruno e Luca Pellegrini

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di > Istituzioni