Virus. Infezione da vaiolo delle scimmie 18/08/2022   23:19 1337

Cos'è il virus del vaiolo delle scimmie


Il vaiolo delle scimmie è causato dal virus del vaiolo delle scimmie, che è affine al virus del vaiolo umano e provoca una malattia simile, ma generalmente più lieve.

Il vaiolo delle scimmie è causato dal virus del vaiolo delle scimmie, che è affine al virus del vaiolo umano. Un’eruzione cutanea è il sintomo più evidente.
La diagnosi di vaiolo delle scimmie viene solitamente formulata prelevando un campione da una lesione cutanea e analizzando il materiale genetico (DNA) del virus. È disponibile un vaccino per prevenire il vaiolo delle scimmie.
Il trattamento del vaiolo delle scimmie è principalmente mirato ad alleviare i sintomi e i farmaci antivirali possono essere utili.

Il vaiolo delle scimmie e il vaiolo fanno parte di un gruppo di virus chiamati orthopoxvirus. Non sono correlati alla varicella, causata dal virus della varicella-zoster, che fa parte di un altro gruppo virale.

Nonostante il nome, il virus del vaiolo delle scimmie non proviene dalle scimmie. Sebbene il serbatoio (un animale che è la fonte di infezione) non sia noto, le fonti animali più probabili sono i piccoli roditori (ad esempio, gli scoiattoli) nelle foreste pluviali dell’Africa, soprattutto nell’Africa occidentale e centrale.

Nel 2022, i casi di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati in circa 70 Paesi che di solito non presentano infezioni da vaiolo delle scimmie, compresi diversi Paesi europei e gli Stati Uniti. Si tratta di una nuova situazione, perché la precedente trasmissione sostenuta da persona a persona del vaiolo delle scimmie era stata principalmente in Africa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che l’epidemia di vaiolo delle scimmie 2022 è un’emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale (vedere WHO: Monkeypox Outbreak 2022).

Le organizzazioni sanitarie stanno indagando sulle modalità di esposizione e diffusione di questa infezione durante l’epidemia del 2022. Molti casi si sono verificati in uomini omosessuali, ma non è noto se questo modello continuerà e se l’infezione viene trasmessa per via sessuale.

Storicamente, l’infezione da vaiolo delle scimmie nelle persone è stata riscontrata principalmente in casi sporadici in Africa e in epidemie occasionali. La maggior parte dei casi è stata registrata in bambini nella Repubblica democratica del Congo. A partire dagli anni 2000, il numero di casi è aumentato gradualmente in Africa.

I motivi di tale aumento possono essere:

  • La cessazione della somministrazione del vaccino contro il vaiolo umano, che contribuiva a proteggere dal vaiolo delle scimmie.
  • Lo spostamento degli abitanti in aree in cui vivono gli animali portatori del virus.

Prima del 2022, i casi al di fuori dell’Africa erano direttamente collegati a viaggi in Africa occidentale e centrale o ad animali importati dalla regione. Negli Stati Uniti, si è verificata un’epidemia di vaiolo delle scimmie nel 2003, quando roditori infetti sono stati importati dall’Africa come animali domestici. I roditori hanno trasmesso il virus ai cani della prateria domestici, che in seguito hanno infettato persone nel Midwest degli Stati Uniti.

Il vaiolo delle scimmie si diffonde in pochi modi (vedere anche Centers for Disease Control and Prevention (CDC): 2022 U.S. Monkeypox Outbreak). Si diffonde da una persona all’altra mediante:

  • Contatto diretto con l’eruzione infettiva, le croste o i liquidi corporei
  • Secrezioni respiratorie durante un contatto prolungato, faccia a faccia o durante un contatto fisico intimo, come baci, coccole o sesso
  • Toccando oggetti (come indumenti o biancheria) che in precedenza hanno toccato l’eruzione infettiva o i liquidi corporei
  • La placenta, dalle donne in gravidanza al feto

Il vaiolo delle scimmie può diffondersi quando le persone entrano in contatto con animali infetti, probabilmente attraverso morsi o graffi di un animale o preparando e mangiando carne animale infetta.

Sintomi del vaiolo delle scimmie

I sintomi del vaiolo delle scimmie sono simili a quelli del vaiolo umano. Come nel vaiolo umano, l’eruzione cutanea del vaiolo delle scimmie insorge sotto forma di macchie piane di colore rosso. In seguito, le macchie si trasformano in vescicole purulente (formando pustole), che dopo diversi giorni evolvono in croste. Prima dell’epidemia del 2022, l’eruzione cutanea iniziava spesso sul viso e si diffondeva ad altre parti del corpo, compresi i palmi delle mani e le piante dei piedi. Durante l’epidemia globale del 2022, tuttavia, l’eruzione cutanea spesso inizia sopra o vicino ai genitali o nella bocca, è spesso dolorosa e può non diffondersi o progredire attraverso le fasi tipiche.

La malattia esordisce con febbre, brividi, cefalea, dolori muscolari, mal di schiena, affaticamento estremo e un rilevante edema linfonodale. Questi sintomi possono manifestarsi prima, durante o dopo la comparsa dell’eruzione cutanea.

Il vaiolo delle scimmie può aumentare la probabilità di sviluppare altre infezioni, in alcuni casi si sviluppano infezioni batteriche della pelle e dei polmoni.

La malattia è solitamente più lieve del vaiolo umano, ma può essere mortale. Durante l’epidemia del 2003 negli Stati Uniti non si è verificato alcun decesso. Nell’epidemia del 2022, si sono verificati alcuni decessi tra migliaia di casi.

I sintomi possono iniziare 1-2 settimane dopo l’infezione, ma possono essere necessarie fino a 3 settimane per la comparsa dei sintomi. Le persone sono infettive (ovvero possono trasmettere il virus a qualcun altro) dal momento in cui i sintomi iniziano fino a quando tutte le lesioni sono croste e le croste sono cadute per rivelare una pelle sana. In genere sono necessarie 2-4 settimane.

Brenda L. Tesini - MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry - per gentile concessione MSD Manual

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di > Salute