Criminalità 06/04/2024   11:19 2337

Allarme dell'Europol: 821 reti criminali pericolose in Europa


L'economia legale infiltrata, la corruzione dilagante: un quadro preoccupante.

Secondo un nuovo rapporto dell'Europol, l'Europa è minacciata da 821 reti criminali considerate altamente pericolose. Il 70% di queste organizzazioni ricorre alla corruzione per facilitare le proprie attività illegali, mentre l'86% ha la capacità di infiltrarsi nell'economia legale, rendendo la lotta contro questi gruppi ancora più complessa.

L'Italia nel mirino: reati ambientali e non solo

L'Italia non è immune da questa minaccia. Il rapporto evidenzia come la maggior parte delle reti criminali coinvolte nei reati ambientali in Europa operi proprio nel nostro paese. A preoccupare sono anche le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico legale, che danneggiano non solo l'ambiente ma anche l'intera società. 

In Italia, in particolare, il problema delle reti criminali è acuito dal loro coinvolgimento nei reati ambientali. La maggior parte delle organizzazioni criminali attive nel paese è associata a pratiche illegali legate all'ambiente, come lo smaltimento illegale di rifiuti tossici e la deforestazione illegale. Questi crimini non solo danneggiano irreparabilmente l'ecosistema, ma alimentano anche il ciclo di corruzione e illegalità che permea molte comunità italiane.

Le nuove sfide per le forze dell'ordine

La capacità di mimetizzarsi all'interno dell'economia legale rende queste reti criminali difficili da individuare e smantellare. Le forze dell'ordine si trovano ad affrontare una sfida senza precedenti, che richiede un rafforzamento della cooperazione internazionale e l'utilizzo di strumenti investigativi sempre più sofisticati.

Affrontare efficacemente il fenomeno delle reti criminali richiede un impegno congiunto da parte delle autorità nazionali e internazionali, nonché una maggiore collaborazione tra i settori pubblico e privato. È cruciale adottare misure preventive e proattive per ridurre le vulnerabilità dell'economia legale e contrastare l'infiltrazione criminale. Solo attraverso un approccio integrato e coordinato sarà possibile proteggere la sicurezza e la legalità dei cittadini europei, preservando al contempo l'integrità del sistema economico e istituzionale.

La presenza di 821 reti criminali pericolose in Europa rappresenta un problema di sicurezza nazionale che non può essere sottovalutato. È necessario un impegno comune da parte di tutti gli Stati membri per contrastare questa minaccia, rafforzando i sistemi di controllo e prevenzione e garantendo una risposta giudiziaria adeguata.

Europol: "Serve un'azione urgente"

Il direttore di Europol, Catherine De Bolle, ha commentato il rapporto sottolineando l'urgente necessità di un'azione comune: "Le reti criminali non conoscono confini e la loro capacità di infiltrarsi nell'economia legale è una minaccia per tutti noi. Dobbiamo lavorare insieme per contrastare questa tendenza e proteggere i nostri cittadini."

La lotta contro la criminalità organizzata è una priorità per l'Unione Europea. Il nuovo rapporto di Europol rappresenta un passo importante per aumentare la consapevolezza di questa minaccia e per rafforzare la cooperazione tra le forze dell'ordine. Solo con un impegno comune sarà possibile sconfiggere le reti criminali che mettono a rischio la sicurezza e la prosperità dell'Europa.

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di > Cronaca