Vicenda Amts. Conferenza stampa Fauso Pepe 04/10/2018   10:11 686

Vicenda Amts, Pepe contro Mastella: "Se l'azienda fallira' sapremo a quale amministrazione dare la colpa"


Dopo la sentenza della Cassazione che ha di fatto annullato il fallimento dell'AMTS, azienda che gestiva il trasporto pubblico e i parcheggi di Benevento, Fausto Pepe ha convocato una conferenza stampa per analizzare la questione.

"Spetta a Mastella decidere se continuare ad ignorare la vicenda di Amts che di fatto fatto no ha più risorse ma non è fallita, o farla fallire. Se vuol far fallire Amts allora si aprono diverse ipotesi dalla distrazione alla questione dei creditori che la legge fallimentare tutela e sopratutto l’ipotesi che la città di Benevento ha perso con Mastella una delle poche aziende pubbliche che tutti i sindaci, fossero di destra o di sinistra, hanno sempre difeso negli anni con il coltello tra i denti”.

Queste l'accusa che Fausto Pepe, ex sindaco di Benevento, muove apertamente in confernza stampa contro l'attuale primo cittadino del capoluogo sannita. Le dichiarazioni arrivano in seguito alla sentenza della Cassazione che la scorsa settimana ha confermato la revoca del fallimento dell’Amts.

Pepe definisce la gestione della vicenda da parte dell'attuale amministrazione "una situazione kafkiana" dove a pagarne le spese sono stati soprattutto i lavoratori. Secondo l'ex sindaco io problema è nato da Porta Rufina e dalla decisione dell’amministrazione D’Alessandro di firmare una scrittura privata con i costruttori del parcheggio che prevedeva il pagamento, da parte del Comune, dell’investimento prodotto per un milione e 250 mila euro quando invece era inizialmente previsto che i privati rientrassero di quanto speso attraverso la gestione della struttura. "Su questo documento- sottolinea Pepe- è ancora in corso una vicenda giudiziaria, ferma al momento in Corte d’Appello.

E' stato Mastella a raccontare falsità durante la campagna elettorale. L’Amts è fallita per Porta Rufina e non per una mala gestione”. Pepe prosegue il suo discorso ponendo l'attenzione sull'operato della sua amministrazione per mettere in salvo l'azienda e su come tutto sia andato in fumo con la delibera del 21 novembre 2016 con cui Mastella ha affidato il servizio a Trotta Bus. "Quel giorno Mastella fa una delibera che affida il servizio a un esterno, omettendo la sentenza della Corte e scrivendo che Amts era fallita. Come amministrazione avrebbero dovuto chiedere un affidamento fino a sentenza definitiva, il sindaco nella sua autorevolezza sarebbe dovuto andare in tribunale e chiederlo. Invece è stato ignorato tutto e il servizio è stato affidato a un privato, spogliando Amts di tutte le sue risorse. Un'amministrazione non può far finta di non sapere o che qualcosa non esista”.

Per l'ex sindaco è chiaro dunque senza ombra di dubbio che "se l’Amts fallirà abbiamo un’amministrazione certa che l’ha fatta fallire“.

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Partiti e associazioni