Giuseppe Antonio Ruggiero 20/11/2018   13:41 558

Viabilita' rurale. Ruggiero: "Occorre un piano straordinario"


“Credo che sia necessario un tavolo di confronto fra le Amministrazioni del territorio, le categorie agricole e la deputazione parlamentare”.

“Occorre un piano straordinario, anche per diverse annualità, per permettere ai Comuni di poter sistemare la propria viabilità rurale. Non sono sufficienti gli interventi prevedibili all'interno di opere per la sistemazione idrogeologica, occorrono interventi specifici anche alla luce dei danni causati dagli eventi calamitosi dell'ottobre 2015”.


A dirlo è Giuseppe Antonio Ruggiero, consigliere provinciale di Benevento ed esponente alla Rocca dei Rettori del Partito Democratico.

“L'assenza di una misura del PSR dedicata nella programmazione 2014/2020 – spiega – e l'incapacità di moltissimi Comuni a poter far ricorso all'indebitamento ha determinato, in molte aree della Provincia, il totale abbandono della viabilità rurale. Moltissime aziende agricole del Fortore vivono un quotidiano disagio sia nella consegna dei propri prodotti sia nella possibilità di fruire di servizi essenziali quali il trasporto scolastico per la scuola dell'obbligo. Per diversi Comuni l'unica soluzione è ancora rappresentata dalle istallazioni eoliche le cui aziende contribuiscono alla manutenzione ordinaria della viabilità rurale per garantire l'accesso ai propri impianti. Credo che sia necessario un tavolo di confronto fra le Amministrazioni del territorio, le categorie agricole e la deputazione parlamentare per porre all'attenzione del Governo un'emergenza silenziosa, ma che vede i Sindaci in prima linea e quotidianamente impegnati per cercare di risolvere le giuste pretese delle popolazioni che vivono nelle aree rurali. E' necessario un piano nazionale di salvaguardia della montagna che disponga interventi sulla viabilità minore e ammodernamenti delle rete idriche, anche alla luce del fatto che le ultime programmazioni europee che erano intervenute massivamente su queste due questione erano state quella 2000/2006 e 2007/2013. Attori di questi interventi potrebbero essere anche le Comunità Montane a cui si potrebbe demandare la gestione e la manutenzione della viabilità rurale intercomunale, mentre si attende di comprendere il ruolo del nuovo Ente idrico Campano chiamato ad riprogrammare il fabbisogno idrico anche per le aree rurali”. 

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Provincia di Benevento