Un palloncino a tutela del vino e del territorio




Un palloncino come alleato per la produzione di buon vino nel rispetto della natura. In Piemonte un gruppo di ricercatori ha messo a punto un sistema in grado di monitorare dall’alto la condizione di salute di distesi campi di viti per salvaguardare il terriorio ed evitare l’utilizzo di sostanze sintetizzate chimicamente, quali pesticidi e fitofarmaci.

Un raccoglitore di dati è posizionato su un palloncino e come un’antenna riceve le informazioni inviate dai sensori posizionati sui campi. “Noi in linea di principio abbiamo dimostrato che il raggio di compertura del palloncino è di 50 chilometri, questo significa che per coprire l’intero territorio del Piemonte, una vera e propria regione produttrice di vino perché viene prodotto ovunque, occorrono non oltre 10 palloncini”, spiega il professore Daniele Trinchero, Professore, dell’Università Politecnico di Torino, dipartimento Elettronica e Comunicazioni. I sensori sui campi raccolgono informazioni come la temperatura e le grandezze fisiche e li inviano al raccoglitore. Un sistema che permette ai produttori di vino di monitorare a distanza e mettere in campo misure preventive e non inquinanti: “Questo sistema permette di arrivare quasi a fare un vino biologico, perchè quando sai quello che devi fare con successo è tutto più facile”, dice Federico Bonino, produttore di vino. Questa prova del palloncino è quella che piace agli amanti del buon vino e della tutela del territorio.

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Agricoltura