Palazzo del Governo 08/10/2018   16:4 812

Prefettura, Cisl: "Riaffermata utilita' di mantenere una presenza forte dello Stato nel territorio"


Le parole del segretario Antonio Santacroce.

"Il Governo frena sulla chiusura delle 23 Prefetture previsto dalla revisione della spesa pubblica (spending review) e decide di riaffermare l’utilità di mantenere una presenza forte dello Stato nel territorio Sannita, in materia di sicurezza, legalità ed esercizio dei diritti civili". 

Così, in una nota, il segretario della CISL FP IrpiniaSannio Antonio Santacroce, che aggiunge: "Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale n. 231 del 4.10.2018 del Decreto Legge n. 113 del 4 ottobre 2018 recante “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’Interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’agenzia nazionale per l’amministrazione e la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata”, approvato nel Consiglio dei Ministri di lunedì 24 settembre, all’articolo 32 vengono introdotte norme che consentono di scongiurare la soppressione delle Prefetture di Teramo, Chieti, Vibo Valentia, Benevento, Piacenza, Pordenone, Rieti, Savona, Sondrio, Lecco, Cremona, Lodi, Fermo, Isernia, Verbano-Cusio-Ossola, Biella, Oristano, Enna, Massa Carrara, Prato, Rovigo, Asti e Belluno.
Si tratta di un passo importante per la comunità locale sannita e per i lavoratori interessati, in quanto ferma un provvedimento sbagliato che rischiava di cancellare presidi essenziali di sicurezza, legalità e tutela sociale in tanti territori, dove intere comunità locali avrebbero visto lo Stato arretrare proprio nel momento di maggior bisogno, rischiando di rimanere scoperte di fronte alle emergenze e agli allarmi legati alla minaccia terroristica e alle esigenze di integrazione e coesione sociale connesse ai flussi migratori. Con la consueta attenzione seguiremo l’iter parlamentare del Decreto Legge in sede di
conversione in Legge".

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Sindacati