Incontro sulle Politiche sociali in Campania 05/10/2018   16:35 773

Citta Europea del Vino 2019, Mortaruolo: "Una candidatura di respiro internazionale quella della Valle del Vino del Sannio"


I territori vitati del Sannio costituiscono nel loro insieme un grandioso complesso in cui è rinvenibile una particolare ricchezza di ambienti”.

“Sono davvero contento che il prossimo 10 ottobre, nella sede del Parlamento Europeo di Bruxelles si discuterà della candidatura a Città Europea del Vino 2019 del territorio ‘Sannio Falanghina’ avanzata dalle realtà di Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata dei Goti, Solopaca e Torrecuso. Un significativo passo in avanti di questo percorso unitario che ho voluto promuovere con i cinque Comuni coinvolti in Commissione Agricoltura, nei tavoli tecnici, negli incontri con gli Amministratori e le organizzazioni di categoria, con approfondimenti che hanno coinvolto realtà qualificate in campo enologico, il Consorzio Tutela Vini, la Camera di Commercio di Benevento e l'Università degli Studi del Sannio fino ad arrivare all'elaborazione di un articolato dossier da sottoporre a Recevin”. Così il consigliere regionale e Vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, on.le Erasmo Mortaruolo.

“I territori vitati del Sannio – spiega il vicepresidente Mortaruolo – costituiscono nel loro insieme un grandioso complesso in cui è rinvenibile una particolare ricchezza di ambienti viticoli naturali derivanti dalle differenti combinazioni tra esposizione, suolo, clima, pratiche colturali, ampiezza di patrimonio ampelografico autoctono. I paesaggi vitivinicoli del Sannio rappresentano quindi per la Campania le aree a più alta vocazione della Regione, dove è presente un’estensione vitivinicola quantitativamente e qualitativamente significativa nel panorama meridionale ed italiano, in relazione alla eccezionale varietà ed originalità di vitigni autoctoni e di produzioni enologiche di eccellenza. Nella Valle del Vino sannita si produce, appunto, oltre il 40% del vino della Campania, inoltre, con oltre 11.000 aziende dedicate alla coltivazione della vite, più di diecimila ettari di superficie vitata, oltre cento imprese di trasformazione, il Sannio beneventano rappresenta il cuore della
viticoltura regionale”.

Prosegue Mortaruolo: “In questo contesto l’iniziativa avviata dagli Enti Locali per la candidatura del Paesaggio vitato dei Comuni di Guardia Sanframondi, Castelvenere, Sant'Agata dei Goti, Solopaca e Torrecuso quale Patrimonio dell’Umanità, rappresenta un’occasione significativamente importante per proporre il territorio campano quale elemento imprescindibile per uno sviluppo armonico e coordinato delle attività economiche e produttive, mediante iniziative responsabili e sostenibili. Gli stessi Enti Locali e la Regione Campania, già tutti aderenti all’Associazione nazionale Città del Vino e alla Rete Europea Recevin (competente ad individuare la Città Europea del Vino 2019), intendono proporre il territorio considerato e l’area vasta che lo caratterizza a Città Europea del Vino 2019. Come Regione Campania abbiamo voluto pertanto condividere e sostenere i valori sottesi alla Candidatura Unesco, alla proposta Città Europea del Vino 2019, alle iniziative di sviluppo locale di tipo partecipa tivo, nell’ottica di rafforzare il legame tra i territori, dando vita ad opportunità di sviluppo ed occasioni di tutela e valorizzazione del patrimonio produttivo, culturale e paesaggistico, apportando contributi tecnici e sostegno finanziario per le attività di sensibilizzazione a livello locale, di valutazione ed analisi dei dossier di candidatura, di piani, progetti e programmi di promozione e valorizzazione del territorio e delle produzioni enologiche di qualità”.

“Con questo necessario via libera – conclude Mortaruolo – la nostra candidatura potrà avere veramente un suggello e una forza, perché l’Italia ci candida, ma noi dobbiamo ora costruire un progetto di grande valore internazionale. Questo significativo supporto della Regione Campania credo che sia decisivo affinché la candidatura italiana abbia una risposta positiva a livello europeo. Questa candidatura sarà una grande opportunità, così come ho anticipato in occasione della conferenza stampa di presentazione della Telesia Half Marathon che si terrà domenica 7 ottobre a Telese Terme, che deve necessariamente andare di pari passo a grandi eventi come questo che sono una privilegiata vetrina per il nostro territorio. Un'occasione per ribadire che il Sannio si candida a essere un distretto del wellness. L'anno prossimo saremo interessati come Provincia di Benevento nella candidatura a Città europea del Vino con una parte importante del territorio che produce vino e potremmo immaginare di creare
una 'Maratona dei vini' proprio per rilanciare il messaggio di un Sannio distretto del benessere”.

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Agricoltura