Centenario 1918-2018. Come spiegare l'orrore della Grande Guerra ai bambini?


"Papà, cos'è l'armistizio? Mamma, cosa è successo nella prima guerra mondiale?". Questa domenica gli occhi di tutto il mondo saranno puntati su Parigi, capitale delle celebrazioni per il centenario dell'armistizio che ha posto fine alla Grande Guerra.

Molti bambini si chiederanno perché se ne parla così tanto: come raccontare loro l'orrore della guerra? Il teatro Le Guignol di Lione, che mantiene viva la tradizione dello storico burattino, ha creato uno spettacolo dal titolo "L'armistizio secondo Guignol". I suoi autori riconoscono che non è stato facile trovare il tono adatto, anche se alla fine hanno scelto di parlarne apertamente, mostrando - con un buon dispiegamento di effetti speciali - i combattimenti della guerra.

Gli autori hanno avuto anche l'opportunità di trarre ispirazione dalla realtà, perché uno dei passatempi dei soldati francesi sul fronte erano proprio le opere con i burattini. Inoltre durante la guerra circolavano diverse cartoline con Guignol come protagonista, allo scopo di incoraggiare le truppe al fronte o promuovere la raccolta di fondi per lo sforzo bellico. Leggi anche: La tradizione del papavero in ricordo dei caduti in guerra Dire sempre la verità Un approccio, quello degli autori, condiviso dalla psicologa Esther Gutiérrez Martín, del centro Aletheia di Madrid.

"Tutti noi - ha detto a Euronews - ci siamo imbattuti in domande dei nostri figli sulla guerra e la morte che ci hanno messo in difficoltà perché non avevamo mai pensato di parlargli di questi argomenti, perché pensavamo di spaventarli o che non avrebbero capito. Tuttavia, la maggior parte delle volte proiettiamo i nostri sentimenti su di loro. La regola da seguire per parlare ai bambini di argomenti difficili è semplice: dire la verità".

Leggi anche: Come la Grande Guerra ha cambiato il volto dell'Europa Gutiérrez spiega che i bambini spesso fanno domande specifiche e capiscono se gli adulti stanno mentendo: "Se se ne accorgono, molti scelgono di non chiedere di nuovo. Così, il momento in cui un bambino ci fa una domanda su un argomento difficile come la guerra è un'occasione speciale per parlare di certe realtà del nostro mondo che sono complicate".

La psicologa, esperta in terapia familiare, avverte che non è necessario preparare un intero discorso, né fornire al bambino troppi dettagli. "'Quindi gli raccontiamo tutto?' è la domanda che mi fanno di solito gli adulti quando vogliono sapere cosa dire ai loro figli. L'importante è rispondere sempre alle loro domande e non dare loro più informazioni del necessario".

"Quando i bambini non vogliono saperne di più su qualcosa o sono spaventati, di solito si fermano - sottolinea Gutiérrez -. In questi casi possiamo chiedere loro se vogliono saperne di più. Quindi dobbiamo aiutarli a 'digerire' le emozioni generate dalle informazioni ricevute (paura, rabbia, ecc.). Possiamo chiedere loro come si sentono dopo la conversazione e aprire così uno spazio dove possono parlare delle loro emozioni". Domenica su questa pagina seguiremo in diretta le cerimonie per celebrare il centenario dell'armistizio in programma a Parigi e Londra. Sul nostro sito troverete inoltre testimonianze esclusive di persone legate in qualche modo al conflitto.

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Teatro