Incidente 13/03/2018   16:34 1051

Campania. Tornano a salire le tariffe RC auto


Assicurare un'auto in regione costa in media 542,2 euro con un aumento del +0,9%. Record a NApoli con 636,9 euro, più del doppio di Aosta (312 euro).

Brutte notizie per gli automobilisti della regione. Tornano infatti a crescere le tariffe rc auto, e la Campania si conferma in testa alla classifica delle regioni italiane dove è più costoso assicurare una autovettura. Lo denuncia il Codacons, che diffonde oggi un rapporto elaborato dall’associazione sulla base dei dati Ivass e Istat.

Assicurare un’auto in Campania costa oggi mediamente 542,2 euro all’anno (contro una media nazionale di 420 euro) con una crescita delle tariffe del +0,9% rispetto al trimestre precedente – spiega l’associazione – A livello provinciale Napoli è la città dove l’Rc auto costa di più (636,9 euro), seguita da Caserta (543,7 euro), Salerno (463,6), Benevento (391,6 euro) e Avellino (387,6 euro), a dimostrazione delle forti differenze che si registrano all’interno della stessa regione.

Addirittura a Napoli le tariffe praticate superano di oltre il doppio quelle medie di Aosta (città dove assicurare una automobile costa 312 euro all’anno) e arrivano a sfiorare i mille euro (967,5 euro) nel caso in cui il proprietario abbia una età inferiore ai 24 anni. Il comparto assicurativo rimane uno dei settori più delicati per i consumatori, sia perché incide in modo evidente sui bilanci delle famiglie, sia perché è assai difficile districarsi nel caos di tariffe, offerte, condizioni, contratti e clausole e far valere le proprie ragioni di fronte ai colossi assicurativi.

In soccorso degli utenti il Codacons ricorda che è ancora possibile usufruire dello “scudo legale” messo a disposizione dall’associazione: una copertura assicurativa che difende anche dalle stesse compagnie di assicurazioni, perché copre le spese per l’assistenza giudiziale e stragiudiziale, senza alcuna franchigia né numero massimo di sinistri, per controversie che includono una moltitudine di settori, tra cui telefonia, banche, energia e le stesse assicurazioni (info e dettagli sul sito www.codacons.it).

^ torna in alto Stai leggendo un articolo di»Consumatori